Francesco Meneghello

Amo e ricerco quella forza invisibile chiamata empatia che nasce tra una o più persone e gli oggetti insieme ai quali vivono.
Design non è per me una scienza piuttosto un approccio alla vita e al progetto, un mestiere in bilico tra tanti altri, spesso contaminato e veicolato.
Credo ed applico un etica progettuale ben definita, anche se flessibile e in continua evoluzione. Ritengo l’anticonformismo il miglior punto di partenza per poter innovare. Tutto nasce e muore da un’emozione, che diventa fulcro di creazione e valore imprescindibile che lega forma e funzione.

 

Progetti:Euro 3 plast - Clivo